tizianodemuro.com logo
« < >
Quanto è bianco l'odore del mare?
10 / 15 enlarge slideshow
Quanto è bianco l'odore del mare?
11 / 15 enlarge slideshow
Quanto è bianco l'odore del mare?
12 / 15 enlarge slideshow
Quanto è bianco l'odore del mare?
13 / 15 enlarge slideshow
Quanto è bianco l'odore del mare?
14 / 15 enlarge slideshow
Quanto è bianco l'odore del mare?
15 / 15 enlarge slideshow

Quanto è bianco l'odore del mare?



Avevo 8 anni quando ho perso mio padre. Era estate e l'odore del mare era intenso e luminoso. Prima ho dimenticato la sua voce. Ne sentivo ancora l'odore. A un certo punto però tutti questi odori sono spariti, si sono spenti. E tutto è diventato un'immagine. I ricordi erano vividi e intensi ma più passava il tempo più le mie immagini si sovrapponevano a storie e aneddoti di altri. Negli ultimi 23 anni l'idea di mio padre si è evoluta, ricostruita e stratificata. Non sono immagini nitide. Si mescolano, mutano forma, da ognuna emerge un frammento che si lega all'altro.

Mi chiedo: il ricordo di lui è totalmente mio? Ho passato 8 anni con lui, quanto pesano nella mia memoria le esperienze sensoriali? Quanto di lui è stato sostituito dall'immagine che altri mi hanno dato?

Queste domande hanno innescato la mia ricerca sull'immagine, l'olfatto e la loro relazione quando si incontrano e si scontrano nella nostra mente. Navigando sul filo del silenzio, l'olfatto fungerà da guida silenziosa per permetterci di leggere nella nostra mente immagini spezzate, frammentate, mescolate e ricomposte come memorie olfattive, alla ricerca di un sensazione sbiadita o nascosta.



How white is the smell of the sea?

I was 8 when I lost my father. It was summer and the smell of the sea was intense and bright. First I forgot his voice.I still perceived his odour. At a certain point, however, all these smells disappeared, they went out. And everything just became an image. The memories were vivid and intense but the more time passed the more my images overlapped with stories and anecdotes from others. In the last 23 years my fatherís idea has been evolved, rebuilt and stratified. They are not clear images. They mix, they change shape, a fragment emerges from each one that binds to another.

I ask myself: is the memory of him totally mine? I've spent 8 years with him, how much sensory experiences weight in my memory? How much of him it was been replaced by the image others have given me?

These questions have triggered my research on image, smell and their relationship when they meet and collide in our minds. Navigating on the thread of silence, the sense of smell will act as a silent guide to allow us to read broken, fragmented, mixed and recomposed images like olfactory memories in our mind, in search of a faded or hidden sensation.
ITA - Informativa sui cookies • Questo sito internet utilizza la tecnologia dei cookies. Cliccando su 'Personalizza/Customize' accedi alla personalizzazione e alla informativa completa sul nostro utilizzo dei cookies. Cliccando su 'Rifiuta/Reject' acconsenti al solo utilizzo dei cookies tecnici. Cliccando su 'Accetta/Accept' acconsenti all'utilizzo dei cookies sia tecnici che di profilazione (se presenti).

ENG - Cookies policy • This website uses cookies technology. By clicking on 'Personalizza/Customize' you access the personalization and complete information on our use of cookies. By clicking on 'Rifiuta/Reject' you only consent to the use of technical cookies. By clicking on 'Accetta/Accept' you consent to the use of both technical cookies and profiling (if any).

Personalizza / Customize Rifiuta / Reject Accetta / Accept
Link
https://www.tizianodemuro.com/quanto_e_bianco_l_odore_del_mare-p28252

Share link on
Chiudi / Close
loading